Cerca | Newsletter | Contatti | Area riservata  
 Home > Cultura > Arte

Altre Immagini

Primo piano della Croce di Borbona
La Croce di Borbona


Vista panoramica della Chiesa di Santa Maria
La Chiesa di Santa Maria


Link

Arte

Ricca di testimonianze artistiche di alto livello, la Comunità Montana del Velino può vantare i natali di due fra i più importanti artisti dal rinascimento ad oggi.

Nicola Filotesio, detto Cola dell'Amatrice, è sicuramente il personaggio di maggior interesse artistico della storia amatriciana. Pittore, scultore, architetto, nasce intorno al 1480 ad Amatrice e apprende l'arte pittorica dal maestro Dionisio Cappelli e quella architettonica alla scuola del Bramante. Nella sua formazione si sovrappongono gli elementi della cultura umbro-romana e quelli della cultura abruzzese. Opera prevalentemente al di fuori di Amatrice: ad Ascoli Piceno e a L'Aquila si trovano le sue maggiori opere di pittore e architetto. Fra le sue opere conservate ad Amatrice, "La sacra famiglia", esposta al Museo Civico.

Affreschi del Cesi nella chiesa di Santa Maria Extra Moenia

Quasi un secolo e mezzo dopo, nel 1622, nasce ad Antrodoco Carlo Cesi, allievo di Pietro da Cortona, pittore ed incisore fra i più famosi del suo tempo. Gran parte delle sue opere sono a tutt'oggi visibili in molte chiese e palazzi a Roma. Fra quelle esposte nella comunità montana, il Miracolo di un Santo Domenicano, al Museo Civico di Antrodoco, e il Pontefice implorato da un gruppo di questuanti, in Santa Maria Extra Moenia.

Ma una notevole quantità di altre opere d'arte pregevoli, attribuibili ad altri autori, possono essere ammirate in tutti i paesi della comunità. Una delle più importanti è la Croce di Borbona, croce angioina del 1320 - 1330 circa. Custodita a S. Maria Assunta in Borbona, è modellata in lamina d'argento dorato, sbalzato, cesellato e rifinito a bulino e decorata da smalti traslucidi.

Di genere simile è la Croce di Posta, piccola croce processionale conservata oggi nel Museo Civico di Rieti, ma proveniente dalla chiesa di S. Francesco a Posta. Dipinta a tempera su fondo oro, è attribuita al Maestro di Fossa, pittore attivo nella prima metà del XIV secolo tra l'Umbria meridionale e l'Abruzzo.

Sempre a Borbona, l'affresco con i Santi Antonio e Rocco, nella chiesa francescana di S. Anna, attribuibile stilisticamente al Maestro della Madonna della misericordia e databile agli anni tra la fine del Quattrocento e l'inizio del Cinquecento, nonché una serie di opere scultoree visibili nelle chiese di S. Anna e di S. Giuseppe e tutte legate all'ambito tradizionale della bottega di Silvestro dell'Aquila (1450-1501).