Cerca | Newsletter | Contatti | Area riservata  
 Home > Sapori > Prodotti

Link e Risorse

Prodotti tipici dell'alto Lazio

L´olio d´oliva

campo di ulivi L'olivo è stato coltivato in Sabina da millenni, tracce dell'uso dell'oliva risalgono al VI - VII secolo a.C. Il clima temperato e l'esposizione a sud della zona creano le condizioni ideali per la coltivazione dell'olivo, mentre la natura collinare del territorio rende impraticabili i metodi moderni di agricoltura intensiva.

Così gli oliveti rimangono ancora proprietà di famiglie locali, quasi tutti in piccoli appezzamenti, e la raccolta delle olive viene fatta a mano.

Essendo una pianta di natura rustica, l'olivo si presta bene alla coltivazione biologica; recentemente nella zona della Sabina si è diffuso anche questo tipo di coltivazione, grazie anche agli aiuti dell'Unione Europea.

L'olio d'oliva prodotto in Sabina è stato il primo, in Italia, ad ottenere la denominazione di origine protetta (DOP).

A Canneto (frazione di Fara in Sabina) sorge l'olivo più grande d'Europa. Il suo tronco misura circa 7.20 m di circonferenza, e l'albero ha un'età stimata di 2.000 anni.

A Castelnuovo di Farfa, nell'antico Palazzo Perelli, si trova il Museo dell'olio d'oliva. La varietà dell'olivo tradizionalmente più coltivato in Sabina è la "Carboncella", seguito dal "Leccino", dal "Frantoio" e dal "Olivastro".

I funghi, i tartufi e i frutti di bosco

Nel Reatino, andare nei campi e nei boschi per raccogliere funghi ed erbe selvatiche è una tradizione ancora viva. Il sottobosco offre un'ampia varietà di prodotti tra cui primeggiano castagne, funghi, more, mirtilli, fragole e tartufi.

Anche il ginepro è particolarmente diffuso alle quote più basse, specialmente nei pascoli o nei terreni agrari abbandonati. Con i suoi frutti, detti galbule o coccole, è possibile produrre il gin.

La provincia di Rieti possiede inoltre le caratteristiche climatiche ideali necessarie per la produzione del miele.

Per quanto riguarda i funghi, tra quelli reperibili nel sottobosco dell'alto Lazio, si ricordano il piopparello, l'amanita cesarea (da non confondere con l'amanita muscaria, fungo non commestibile), il porcino di castagno, il fingerlo e la trombetta di morto.

La carne e il formaggio

tavola con formaggi L'allevamento è un'attività importante dell'economia agricola locale. L'allevamento delle specie di interesse zootecnico, nell'ambito della Provincia, risulta ampiamente diversificato e di assoluta rilevanza sia in termini di consistenza di capi allevati che di relative produzioni.

Le maggiori produzioni risultano essere quelle dei bovini da latte e da carne e degli ovini caprini.

La Provincia è anche grossa produttrice di formaggi tipici, tra cui il pecorino, la caciotta, la ricotta, la mozzarella ed formaggi dolci e piccanti.