Cerca | Newsletter | Contatti | Area riservata  
 Home > Servizi > Minori in situazione di disagio

Minori in situazione di disagio

Una particolare attenzione è rivolta a fornire sostegno ai minori che vivono in particolari condizioni di disagio.

Tramite il Servizio Educativo Territoriale, si cerca di favorire l’integrazione sia sociale che lavorativa, di contribuire ad un armonico processo di crescita attraverso l’attuazione di percorsi costruttivi e riabilitativi.

Obiettivo di tale servizio è quello di fornire un sostegno educativo o riabilitativo individualizzato, consentendo la permanenza del giovane nel suo ambiente di origine e mirando ad un cambiamento e ad un miglioramento delle condizioni di vita dell’intero sistema familiare. Altra caratteristica del servizio sarà quella di attivare risorse e sinergie nella rete sociale aprendo nuovi canali di comunicazione tra mondo scolastico, famiglie, servizi socio-sanitari ed educativi, associazioni e realtà presenti nel territorio.

SERVIZIO EDUCATIVO TERRITORIALE PER MINORI

Finalita’ del servizio

Il Servizio Educativo Territoriale è un servizio per il sostegno educativo e l'integrazione sociale di minori in condizione di disagio, si configura come risorsa possibile per i servizi sociali al fine di realizzare progetti di intervento in favore di nuclei e minori disagiati. Obiettivo di tale servizio è quello di fornire un sostegno educativo o riabilitativo individualizzato, consentendo la permanenza del giovane nel suo ambiente di origine e mirando ad un cambiamento e ad un miglioramento delle condizioni di vita dell’intero sistema familiare. Altra caratteristica del servizio sarà quella di attivare risorse e sinergie nella rete sociale aprendo nuovi canali di comunicazione tra mondo scolastico, famiglie, servizi socio-sanitari ed educativi, associazioni e realtà presenti nel territorio.

Tipologie dell'utenza

A) Minori che presentano disagio psico-sociale e di forme handicap psico-fisico per i quali possa rilevarsi utile un sostegno educativo extrascolastico.

B) Nuclei con problemi relazionali intrafamiliari con presenza di minori evasori dell’obbligo scolastico in via di inserimento o già appartenenti a contesti di devianza o disagio.

C) Nuclei che esprimono una forte difficoltà a fornire il necessario supporto organizzativo, educativo e di sostegno ai figli, ma che esprimono relazioni parentali affettivamente non compromesse. +

D) Nuclei con presenza di minori istituzionalizzati le cui condizioni presentano la possibilità di un rientro in famiglia con il supporto e la consulenza del servizio.

E) Nuclei deprivati sul piano socio-affettivo e/o economico con rischio di possibile crisi del sistema di relazioni familiari e probabile ripercussione sulla fase di crescita e sviluppo dei minori. Rientrano in questa tipologia i nuclei orfanili.

F) Minori per i quali sia aperto un contenzioso tra genitori separati per i quali il servizio, su mandato del Tribunale Civile e di altri organi della Magistratura Minorile, può fornire specifici interventi.

G) Nuclei che presentano un temporaneo carattere di squilibrio organizzativo ed un pressante disagio, causato da degenze ospedaliere, da patologie, da detenzioni che minano la stabilità dell’ambiente familiare e penalizzano i minori interessati.

Obiettivi del servizio

Il servizio educativo territoriale intende perseguire i seguenti obiettivi generali:

· Favorire un armonico processo di crescita attraverso l’attuazione di percorsi educativi e riabilitativi in risposta ai bisogni specifici di ogni soggetto, finalizzati allo sviluppo delle potenzialità, alla integrazione sociale, alla acquisizione di autonomie.

· Promozione di un sano sviluppo della vita dei nuclei familiari attraverso l’attivazione di energie e risorse dei singoli componenti e dell’ambiente familiare e sociale.

· Favorire l’integrazione e sociale e lavorativa.

· Predisporre, nell’ambito di progetti educativi individualizzati elaborati insieme ai docenti scolastici, attività di sostegno e verifica rispetto all’andamento scolastico.

· Coinvolgimento dei genitori per una maggiore presa di coscienza del loro ruolo, situandoli al centro di un percorso che li promuova come principali agenti di educazione dei figli.

Modalità di intervento

Il Servizio Educativo territoriale intende perseguire i propri obiettivi attraverso due modalità di intervento:

Il Servizio educativo domiciliare
Il Tirocinio per l’orientamento lavorativo